Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Luci appositamente studiate e realizzate – questo è uno dei modi per decorare lo spazio della cucina, rendendolo più attraente e più confortevole. Una delle opzioni più comuni: le luci a LED per la cucina sotto gli armadietti, che consentono di dare all’ambiente un’atmosfera speciale. Considera come raccogliere autonomamente tutto ciò di cui hai bisogno ed eseguire l’installazione, senza l’aiuto di esperti.

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Illuminazione a LED per cucina sotto armadi: i vantaggi di una tale soluzione

Le lampade a LED sono apparse sul mercato interno abbastanza a lungo da permettere a chiunque fosse interessato almeno in qualche modo a questo problema di conoscere i vantaggi di tale soluzione rispetto alle normali lampade a incandescenza e persino a quelle a risparmio energetico. Prima di tutto, l’illuminazione a diodi in cucina è famosa per la sua efficienza e per la lunga durata. Inoltre, i LED si accendono alla massima potenza dal primo secondo, poiché non hanno bisogno di tempo per riscaldarsi e la frequenza di accensione e spegnimento non influisce sulla loro durata.

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Certo, non tutto è così fluido, ei LED hanno un grosso svantaggio – e il costo. Il prezzo di tale illuminazione non sarà davvero basso, tuttavia, secondo tutti quelli che l’hanno già usato, un tale investimento si giustifica molto rapidamente.

La durata del nastro a LED può essere di diversi decenni, e il livello di consumo di elettricità sarà così piccolo che in breve tempo i soldi spesi saranno compensati.

Buon consiglio! Se la cucina ha già un’illuminazione, molto probabilmente sarai in grado di sostituire solo la lampada, mantenendo la lampada. Ciò è possibile grazie al fatto che i produttori di lampade a LED offrono una vasta gamma di prodotti e si può quasi sempre trovare l’opzione giusta.

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Nel tentativo di decorare correttamente l’interno della loro cucina, ogni proprietario dovrebbe capire che, idealmente, il controluce dovrebbe essere multi-zona. Quella è una lampada sul soffitto, molto probabilmente, non sarà abbastanza. Pertanto, nella maggior parte dei casi, oltre all’illuminazione principale, forniscono anche lampade sopra la zona pranzo e, naturalmente, l’illuminazione a LED per la cucina sopra il piano di lavoro.

Ma non è tutto, perché le luci sono montate non solo come un elemento funzionale. Spesso è usato come decorazione. Considerare dove si possono trovare le luci:

  • Illuminazione a LED per l’area di lavoro della cucina – questo è il caso quando le sorgenti luminose sono montate sotto i pensili;
  • luci sotto il cofano;

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

  • armadi di vetro di illuminazione interna. Questa soluzione sembra particolarmente bella se c’è un vetro smerigliato nelle loro porte;
  • le luci sopra gli armadi superiori sono un ottimo modo per ampliare visivamente lo spazio disponibile. Come tutte le altre opzioni, accendere il soffitto con un nastro LED farlo da soli è un compito abbastanza possibile;
  • sotto i mobili della cucina inferiore. Questa è forse una delle opzioni più originali che ti consente di creare un effetto insolito di mobili slanciati;
  • luci separate per evidenziare l’area di lavoro in cucina.

Buon consiglio! A seconda dello scopo per il quale si sta montando la retroilluminazione a LED, è possibile scegliere uno o un altro colore di illuminazione. Quindi, se hai intenzione di utilizzare come fonte di luce aggiuntiva per il lavoro, è meglio dare la preferenza a una luce bianca. Ma per il design decorativo, puoi montare e colorare.

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Per capire quale sia la scelta della striscia LED e come organizzare correttamente l’illuminazione di una particolare zona, prima di tutto vale la pena considerare quali sono le fonti di luce. Analizziamo tutti i tipi e quindi determiniamo quale delle opzioni è migliore di altre per uno scopo particolare.

Quindi, i principali tipi di dispositivi LED:

  • apparecchi lineari montati sulla superficie. È possibile acquistarli singolarmente o immediatamente come un intero insieme in cui ci sono diversi moduli e adattatori. Collegando insieme molti di questi singoli elementi, puoi creare una fonte di luce abbastanza lunga;
  • faretti di superficie – funzionano secondo lo stesso principio del primo tipo, ma non sono assemblati in un disegno generale;

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

  • infissi spot o lineari ad incasso. Sono diversi dal resto della sottigliezza che consente di installarli direttamente nella parte inferiore dei mobili della cucina. Questa è un’opzione facile da usare, tuttavia, sarà difficile eseguire il lavoro di installazione da soli e molto probabilmente dovrai ricorrere all’aiuto di uno specialista;
  • Striscia LED per la cucina. Questa è una delle opzioni più popolari per oggi, che non è molto inferiore a tutti i precedenti. Questo tipo di dispositivo deve la sua popolarità a un’enorme varietà di colori, facilità di installazione e costi contenuti.

Buon consiglio! Oggi è possibile trovare in vendita sia apparecchi lineari che girevoli con comandi touch. Tali dispositivi sono accesi e spenti tutti con un solo tocco e sembrano molto esteticamente gradevoli.

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Nonostante il fatto che la maggior parte delle strisce LED assomiglino molto, infatti ci sono diversi tipi di strisce LED e una classificazione speciale, che viene fatta in base a tali fattori:

  • il numero di cristalli (può essere da 1 a 4);
  • bagliore a colori o monocromatico;
  • dimensione, che può essere compresa tra 1,06h0,8 e 5,0×5,0 mm.

Parlando in modo più semplice, prima di acquistare un nastro LED, è necessario decidere quale tipo di retroilluminazione si desidera ottenere. E per semplificare, prendi in considerazione alcune raccomandazioni di esperti che possono essere utilizzate come linee guida per acquistare l’illuminazione per la cucina sotto gli armadietti:

  • se uno dei compiti dell’illuminazione montata è quello di fornire un’ulteriore illuminazione della superficie di lavoro, è possibile ottenere una luce brillante uniforme e contenuta utilizzando una striscia LED 50×50;

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

  • se non c’è un uso pratico per la retroilluminazione, e il suo unico ruolo è il design decorativo degli interni, una striscia LED 35×28 a chip singolo sarà sufficiente.

Considerando il fatto che il nastro di diodi in cucina è costituito da diversi LED posizionati sullo stesso piano, ci sono molti altri tipi di questo prodotto, a seconda di quanto gli elementi si trovino l’uno con l’altro. Quindi, le opzioni più popolari sono 30, 60, 120 e 240 pezzi per 1 metro di nastro.

Questo parametro determina la potenza del nastro, la quantità di energia che consuma e la sua luminosità.

C’è un altro punto estremamente importante: il grado di protezione dall’umidità. In questo caso, è necessario prestare attenzione all’etichettatura, che potrebbe essere la seguente:

  • IP20 – basso livello di protezione. Tali nastri non sono raccomandati per l’uso in cucina o in bagno, dove l’umidità è piuttosto alta;

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

  • IP65 – livello medio di protezione. Questa opzione si adatta perfettamente al compito e l’umidità in cucina non influisce sul funzionamento dei LED;
  • IP68 è il livello assoluto di protezione. Tali prodotti non sono sensibili all’umidità e possono anche essere utilizzati per illuminare la piscina.

Oltre al fatto che l’installazione di strisce LED in cucina richiede molta attenzione nella scelta, vale la pena prestare attenzione a quale tipo di alimentazione verrà utilizzata per questo scopo. È molto importante scegliere un’opzione in cui la potenza del trasformatore sarà sufficiente, ma allo stesso tempo non è eccessivo.

Illuminazione a LED per la cucina sotto gli armadi: caratteristiche di scelta e installazione

Considerare come calcolare la potenza richiesta dal trasformatore nell’esempio di una striscia LED 50×50 e una potenza di 12 W:

  • a condizione che la lunghezza del nastro sia 5 m, 12 W devono essere moltiplicati per 5. Otteniamo 60;
  • lo stock è assicurato da un fattore di 1,25, ottenendo così 75;
  • otteniamo un trasformatore con una potenza di 75 watt.

Gli interruttori del sensore sono solitamente posizionati direttamente accanto al nastro stesso, poiché hanno l’aspetto di un modulo e non rovinano l’aspetto della cucina. Ma allo stesso tempo è molto importante ricordare che il sensore reagisce a qualsiasi contatto, quindi il posizionamento dovrebbe escludere tocchi accidentali a cui il sensore può reagire.

Quindi, possiamo concludere che tutti possono acquistare l’illuminazione a LED per la cucina e installarla da soli. Per fare ciò, è sufficiente familiarizzare con alcune delle caratteristiche più importanti degli elementi e seguire semplici istruzioni, cercando di evitare errori comuni. Il resto delle luci in cucina sotto i LED dei cabinet non presenta alcuna difficoltà, ma porta uno stato d’animo speciale all’interno.

Like this post? Please share to your friends: