Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Data la qualità della tensione di alimentazione nella rete, molti pensano di acquistare un dispositivo adatto per proteggere le apparecchiature elettriche. Calcola correttamente la potenza, scegli l’una o l’altra caratteristica del dispositivo, scopri come installare i raddrizzatori e i tempi del loro funzionamento studiando le opinioni dei consumatori e le raccomandazioni dei professionisti. Per aiutarvi nell’articolo "Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un dispositivo per la protezione dell’ingegneria elettrica

Gli stabilizzatori di tensione sono dispositivi che regolano automaticamente la tensione fornita alla rete entro il valore consentito per il funzionamento senza problemi dell’ingegneria elettrica. Possono essere utilizzati sia per le singole apparecchiature (locali), che per proteggere l’intera rete nel suo complesso (fisso).

La scelta dello stabilizzatore per la casa inizia con la determinazione del tipo di alimentazione. Nella maggior parte dei casi, questo è un alimentatore monofase quando un cavo con tre o meno fili è collegato alla casa. Con questo tipo di alimentazione si usano regolatori di tensione monofase per la casa. Se il cavo contiene quattro conduttori, la potenza è trifase, progettata per il funzionamento di apparecchiature elettriche con una tensione di 380 V. In questo caso, utilizzare i regolatori di tensione trifase per la casa.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Dalle revisioni è noto che nel caso di alimentazione trifase, se non si prevede che i consumatori trifase funzionino, è possibile installare tre raddrizzatori monofase, che possono essere selezionati con potenza e caratteristiche diverse, il che influirà anche sul costo totale dei dispositivi. Quindi, per un equipaggiamento a bassa potenza separato, viene selezionato un raddrizzatore locale di potenza insignificante, il cui costo è molto più basso rispetto agli analoghi più potenti. Inoltre, una fase che viene usata raramente può non essere protetta. È inoltre possibile utilizzare un equalizzatore più accurato su una fase e un livellamento meno accurato sull’altro e quindi un prezzo inferiore.

Stabilizzatore di tensione a 220 V per dare: come scegliere un dispositivo per proteggere l’attrezzatura. Parametri dei dispositivi monofase. Caratteristiche dell’installazione dello stabilizzatore. Selezione del modello ottimale.

Determinando la potenza richiesta per l’equalizzatore, puoi procedere in due modi. Nel primo caso, dovresti essere guidato dall’interruttore automatico. Se la macchina limita l’alimentazione a 25A, la potenza stabilizzatrice richiesta viene definita come il prodotto di 25 A x 220 V = 5,5 kW. Aggiungendo una riserva di potenza, otteniamo la potenza stabilizzatrice necessaria di 6 kW.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Studiando l’opinione degli utenti, puoi scoprire cosa ridurre la potenza del raddrizzatore e quindi il costo della sua acquisizione, forse, riassumendo la potenza di tutte le apparecchiature. Tenendo conto che tutta la tecnologia allo stesso tempo non si accende, puoi optare per un dispositivo meno potente.

Un altro indicatore importante è l’intervallo di tensione in ingresso.

Buon consiglio! Il campo della tensione di esercizio all’ingresso è considerato come il campo del dispositivo al quale il raddrizzatore non solo funziona, ma garantisce anche la precisione di stabilizzazione dichiarata.

Dalle recensioni dei clienti:

"Alcuni venditori incompetenti confondono il concetto di intervallo di lavoro con un intervallo limite in cui lo stabilizzatore funzionerà semplicemente senza fornire la precisione di stabilizzazione dichiarata. Non cadere per questi trucchi. "

Igor Homchuk, Krasnoyarsk

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Fermando la tua scelta sulla precisione di allineamento, dovresti sapere che questa caratteristica mostra quanto buona sarà la tensione di uscita. Un buon feedback è stato ricevuto dagli stabilizzatori elettromeccanici Resant, che forniscono una tensione in uscita di +/- 2%. Questo indicatore consente di utilizzare questi stabilizzatori per apparecchiature e tecnologie di alta precisione con motori elettrici.

La precisione di regolazione dello stabilizzatore inferiore a 220 V ± 3% con tensione decrescente influisce sulle lampade di illuminazione e sulle lampade alogene. Diventa evidente agli occhi cambiare il livello di illuminazione quando si cambia stadio del raddrizzatore. Scegliendo uno stabilizzatore, dovresti considerare questo fattore.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Per le moderne apparecchiature domestiche, è necessario selezionare modelli con una precisione di stabilizzazione di 220 V ± 7%.

La presenza di apparecchiature audio in casa, dispositivi hi-fi, costosi modelli di TV, caldaie a gas con controllo elettronico fornisce uno stabilizzatore con un’elevata manutenzione della precisione della tensione in uscita – 220 V ± 1%.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Nel decidere su quale regolatore di tensione è meglio per una casa, dovresti considerare i criteri principali:

  • fattori protettivi: per i raddrizzatori una condizione importante è la presenza di funzioni protettive che proteggono il dispositivo da cortocircuiti, surriscaldamenti e sovraccarichi, compromettendo il corretto funzionamento e la durata del dispositivo;
  • regolazione della tensione all’ingresso – vale la pena scegliere stabilizzatori con un range di controllo di 210-230V. Tale modello consentirà la connessione all’attrezzatura di rete esistente progettata per gli standard occidentali senza deterioramento delle condizioni tecniche di quest’ultimo, oltre a prolungare la vita delle lampade ad incandescenza a 210 V;
  • Accensione automatica del raddrizzatore – tale dispositivo è in grado dopo lo spegnimento (in caso di interruzione della tensione del campo di lavoro) dopo un periodo selezionato, il carico riprende automaticamente (in caso di ritorno di tensione normale). Ciò consentirà di non accendere il dispositivo manualmente;
  • corrispondente alla potenza a qualsiasi tensione all’ingresso – tale dispositivo è in grado di mantenere la potenza dichiarata all’uscita quando la tensione di ingresso diminuisce.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Buon consiglio! Quando acquisti uno stabilizzatore, dovresti tenere conto che la potenza nominale del dispositivo sarà molto più bassa se la tensione di ingresso è inferiore a 220V. Forti scostamenti di tensione possono ridurre la potenza del dispositivo della metà.

Visitando i forum tematici, puoi imparare dalle recensioni che il regolatore di tensione è il migliore per la casa.

Ecco alcuni di loro:

"Con fluttuazioni di tensione nella rete fino a 150 V, è meglio acquistare uno stabilizzatore elettromeccanico ASN-15000/1-EM. Questo dispositivo, anche a 140 V in ingresso, fornisce un’uscita a 180 V. Funziona perfettamente, senza guasti. E la sorella di ASN-10000/1-C, elettronica, non tira fuori nemmeno la pompa per l’approvvigionamento idrico. "

Ilya Samoilov, Saratov

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

"Ho acquistato Resant ASN-20000/1-EM tre anni fa, ho lavorato per diversi mesi e ho smesso di livellare la tensione. Lo portò al centro di assistenza, sotto la garanzia, sostituì i pennelli. Dopo la riparazione funziona con alta qualità. "

Sergey Ushakov, San Pietroburgo

"Ho installato uno stabilizzatore di energia monofase Voltron PCH-3000, un dispositivo di dimensioni compatte, montato su una parete e che non occupa molto spazio. Tutto mi va bene. "

Grigory Vyatkin, Minsk

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Quando si sceglie un raddrizzatore, è necessario prestare attenzione alla capacità del dispositivo di trasferire carichi. Ad esempio, se è stato acquistato un potente dispositivo da 10 kW e la tensione di rete è scesa a 160 V, il raddrizzatore non è riuscito. Ciò significa che lo stabilizzatore era a bassa tolleranza di carico e a 160 V aveva una potenza di 5 kW, invece dei 10 kW dichiarati. Pertanto, è importante il carico che lo stabilizzatore può sopportare quando la tensione nella rete cambia.

Buon consiglio! Per il normale funzionamento del raddrizzatore, è necessario dare la preferenza a modelli con una capacità di carico elevata o per acquisire un modello con una potenza due volte più grande rispetto a quello progettato.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

La capacità dei raddrizzatori di sopportare il sovraccarico per qualche tempo è chiamata capacità di sovraccarico. Questo criterio mostra la correttezza e la qualità di costruzione del dispositivo. I modelli scadenti di convertitori non hanno sovraccarico.

Le recensioni mostrano che i dispositivi ORTEA, i regolatori di tensione italiani per la casa, il cui prezzo è molto alto, hanno un assemblaggio di alta qualità, un’elevata resistenza ai sovraccarichi, ± 0,5 precisione di normalizzazione, funzioni di protezione e regolazione elettronica.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Dai produttori nazionali, i raddrizzatori sono calmi, leader. Strumenti affidabili, tuttavia, la precisione di stabilizzazione di questi modelli è ± 5.

La società Resanta produce dispositivi high-tech di alta qualità, focalizzati sui requisiti degli standard internazionali. Si distinguono per l’elevata precisione della tensione in uscita, l’eccellente capacità di sopportare sovraccarichi, funzionamento silenzioso e prezzo conveniente.

Le recensioni dei produttori cinesi lasciano molto a desiderare. Tali dispositivi sono solitamente di scarsa qualità, a volte non hanno la funzione di normalizzare la tensione, sono di breve durata e, di conseguenza, hanno un basso costo.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Quando colleghi un raddrizzatore in casa, segui queste regole:

  • se l’equalizzatore è installato per proteggere l’intera casa, è necessario lasciare un ramo per apparecchi elettrici che non possono essere collegati attraverso uno stabilizzatore;
  • il raddrizzatore deve avere protezione sotto forma di un automa o di un jumper bypass (bypass);
  • il dispositivo è collegato solo al generatore elettrico;
  • installare lo stabilizzatore dovrebbe essere possibile in una stanza riscaldata.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Alcuni utenti nei forum condividono le informazioni che, in caso di guasto del dispositivo, è possibile riparare autonomamente il regolatore di tensione domestico.

La corrente nelle reti elettriche domestiche cambia ad alta frequenza, rispettivamente, il servoazionatore ruota spesso, il che può danneggiare il motore dello strumento. L’eccessivo attrito e il riscaldamento delle spazzole contribuiscono alla loro usura e intasamento dei fili.

Se il motore è bruciato nel dispositivo, puoi procedere in due modi. Nel primo caso, acquistare e installare un nuovo motore.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Nel secondo caso, è possibile provare a ripristinare il motore con le proprie mani. Prima di tutto, è necessario scollegare il motore dal circuito generale e collegarlo a una fonte di alimentazione abbastanza potente. Se le uscite dello stabilizzatore forniscono corrente con una tensione di 5 V e una corrente da 100 mA a 150 mA, tutte le particelle di polvere, interrompendo il lavoro, bruceranno.

Successivamente, un regolatore di tensione viene collegato utilizzando uno schema semplice. Dopo questa riparazione, il motore riprende a funzionare.

Stabilizzatori di tensione per la casa: recensioni. Quale è meglio scegliere un convertitore

Dalle recensioni è chiaro che molti utenti acquistano modelli di regolatori di tensione per una casa da 10 kW di Resanta. A questo proposito, il produttore offre un chip regolatore di tensione da 10 kW da considerare in caso di un eventuale guasto di questo tipo di raddrizzatore. Gli schemi della struttura generale di tali raddrizzatori sono simili, ad eccezione di alcuni elementi di dispositivi con potenza diversa.

Per la corretta selezione di uno stabilizzatore domestico, utilizzare le raccomandazioni di professionisti e produttori, nonché le revisioni dei consumatori sulla conformità delle funzioni dei raddrizzatori con le caratteristiche dichiarate.

Like this post? Please share to your friends: