Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

L’isolamento e la decorazione di alta qualità della facciata della casa garantiscono un notevole risparmio di energia termica, che è particolarmente importante nel contesto del costante aumento del costo dell’energia. Inoltre, il lavoro complesso rende la casa più attraente dal punto di vista estetico. Esistono diversi metodi per riscaldare e decorare gli edifici, ma la facciata umida è considerata la più moderna: la tecnologia di questo metodo di finitura è descritta in dettaglio in questo articolo.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Isolamento della facciata bagnata fuori o dentro: caratteristiche di scelta

I materiali da costruzione tradizionali utilizzati per la costruzione di muri, come mattoni, blocchi di cemento e calcestruzzo, sono caratterizzati da una maggiore resistenza e una durata di servizio sufficientemente lunga. Tuttavia, non hanno un alto livello di isolamento termico, e quindi una parte significativa dell’energia termica scompare semplicemente attraverso le pareti. Per evitare questo processo indesiderato, le pareti sono isolate.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Il riscaldamento può essere sia interno che esterno. Allo stesso tempo, la quantità di materiale, la quantità di lavoro e l’organizzazione del processo stesso all’interno della casa sono più redditizi e più economici. Allo stesso tempo, ci sono una serie di argomenti seri a favore del riscaldamento della casa all’esterno.

I metodi esterni, che includono l’isolamento delle facciate bagnate, suggeriscono la presenza di un cosiddetto punto di rugiada: si tratta di un’area in cui la condensa viene rilasciata sotto fluttuazioni di temperatura sia nel mezzo di una stanza che all’esterno. In caso di fissaggio dell’isolamento all’interno della parete portante, vi è un’alta probabilità di condensa, che porta ad un aumento dell’umidità nella stanza. Pertanto, questo metodo di isolamento termico è meno funzionale e persino pericoloso per la salute, poiché i funghi e le muffe appaiono sulle pareti contro l’umidità.

Quando l’isolamento esterno aumenta significativamente il livello di resistenza al calore o inerzia termica delle pareti. In altre parole, l’edificio, isolato all’esterno, trattiene il calore per un tempo più lungo con una significativa diminuzione della temperatura esterna e si riscalda lentamente nella calura estiva.

Con l’isolamento esterno della casa, la facciata umida elimina tutti i tipi di ponti freddi, attraverso i quali, nella maggior parte dei casi, la perdita di calore principale si verifica nel caso di organizzare l’isolamento termico interno.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Il metodo esterno di isolamento delle facciate ha una sua classificazione. Distinguere tra tecnologia a secco e a umido. La prima opzione, a sua volta, include facciate prefabbricate o sospese. Il materiale principale utilizzato in questa tecnologia è il rivestimento in vinile o metallo. Il sistema di facciata umida è considerato più pratico, altamente efficiente, economico e attraente.

È importante! Una caratteristica distintiva di una facciata umida è la stratificazione, in cui ogni singolo strato svolge un ruolo importante nel processo di isolamento e decorazione. Per la piena implementazione delle funzioni, la preferenza dovrebbe essere data solo a materiali di alta qualità.

L’utilizzo della tecnica a umido consente di ottenere non solo un isolamento di buona qualità, ma anche un bellissimo arredamento per la casa. Una condizione importante è l’uso di soluzioni speciali di alta qualità. La fase finale è il processo di applicazione di intonaco e pittura – questi sono i componenti chiave del bellissimo esterno dell’edificio.

La tecnologia delle facciate bagnate comporta la creazione di una torta multistrato all’esterno. Gli strati sono fissati al muro applicando speciali soluzioni adesive, mastici e gesso, che vengono sciolti in acqua normale. Da qui il nome – facciata bagnata. Il lavoro prevede l’osservanza di un chiaro ordine di sequenza nell’applicazione degli strati: primer, miscela adesiva, piastre termoisolanti, dimensionamento aggiuntivo, rinforzo delle maglie, intonacatura e verniciatura.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Ogni fase che prevede l’utilizzo del metodo bagnato, che si tratti di dimensionamento, intonacatura o verniciatura, deve essere effettuata a temperature superiori a + 5 ° C. Non solo la qualità del lavoro e il grado di isolamento termico, ma anche la durata dell’isolamento decorativo dipendono dalla sequenza di lavoro, materiali e conformità alle condizioni. Altrimenti, la facciata inizierà presto a rompersi e collassare.

La tecnologia di bagnatura umida presenta una serie di vantaggi innegabili e un certo numero di svantaggi. I vantaggi dovrebbero includere:

  • un alto grado di decorazione e bellezza della facciata;
  • leggerezza dello strato di isolamento termico, che consente di applicare la tecnologia su edifici con fondamenta deboli;
  • isolamento termico affidabile, che trattiene il calore in casa per lungo tempo secondo il principio di un thermos ed esclude l’aspetto di "ponti freddi";
  • protezione aggiuntiva della casa dagli effetti atmosferici distruttivi (umidità, congelamento, vento);
  • isolamento acustico e da vibrazioni affidabile;
  • durata (facciata realizzata con tecnologia a umido, può durare fino a 40 anni);

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

  • elimina la condensa e, di conseguenza, l’umidità in casa, dovuta all’intonaco esterno "respirante";
  • il costo di una facciata umida è accettabile, soprattutto in confronto ad altri metodi di isolamento;
  • la tecnologia non "ruba" spazio utile nella stanza.

Parlando dei vantaggi, è necessario menzionare gli svantaggi che questa metodologia ha:

  • i lavori devono essere eseguiti a temperature esterne ottimali (se la temperatura è inferiore a + 5 ° C, è quasi impossibile ottenere il risultato desiderato);
  • ogni strato richiede un certo tempo per l’essiccazione, quindi le precipitazioni impreviste possono influire negativamente sulla qualità dell’isolamento alla fine;
  • polvere e sporco durante il funzionamento influenzano negativamente il risultato, quindi la superficie deve essere protetta dal vento.

Buon consiglio! I lavori sull’isolamento della facciata umida dell’edificio non possono essere eseguiti durante le piogge. Pertanto, è meglio pianificare l’installazione in primavera o in estate, quando le precipitazioni sono molto minori.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Sulla base dei suddetti vantaggi e svantaggi, la conclusione è che la tecnologia consente di creare un isolamento termico di alta qualità, soggetto a investimenti finanziari minimi. Il principio principale è una chiara introduzione nell’applicazione di tutti gli strati. La tecnologia del lavoro comprende tre o quattro fasi della formazione di una facciata umida. Le foto lo dimostrano chiaramente. Ognuno degli strati soddisfa il suo scopo funzionale.

Strato di intonaco Lavori principali Funzione eseguita
Colla o preparatoria Preparazione della base, installazione di elementi di fissaggio e colla per primer Determina il grado di affidabilità del design futuro di fissaggio
Isolamento termico Fissaggio di pannelli isolanti con colla e tasselli Fornisce un grado di isolamento delle pareti dell’edificio
rinforzi Include l’installazione della maglia di rinforzo Garantisce durata e affidabilità della struttura e funge da base per lo strato finale di finitura.
decorativo Mettere intonaco decorativo in vari modi e pittura Protegge le lastre termoisolanti dagli agenti atmosferici e conferisce bellezza esteriore alle pareti.

 

Tutte le fasi svolgono una serie di importanti funzioni che garantiscono l’affidabilità generale, la durata e la durata della struttura, pertanto, ciascuna di esse richiede un approccio responsabile e uno studio dettagliato.

Prima di iniziare i lavori sull’isolamento, fare attenzione a preparare la struttura di base. A tal fine, le pareti puliscono a fondo ed eliminano tutti i difetti. È necessario coprire le fessure con malta e livellare la superficie. Se c’è sporcizia pesante sulla superficie, si consiglia di utilizzare detergenti.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Successivamente, la superficie viene testata per la resistenza. Per fare questo, incollare piccoli pezzi di isolamento sulla parete. Se tengono saldamente e non si rompono, puoi procedere all’installazione. Se è facile strappare con lo strato superiore del muro, è necessario pulirlo di nuovo.

Dopo aver completato la preparazione del muro, viene applicato un primer. E dopo l’essiccazione – uno strato di colla. Se la superficie della casa è costituita da un materiale con maggiore assorbimento, lo strato di base dovrebbe essere più solido. È meglio applicarlo due volte. Si consiglia di rimuovere in anticipo il vecchio intonaco dalle finestre e dalle pendenze della porta.

Nella fase preparatoria, è necessario prestare attenzione per installare la barra del profilo. Il profilo dello zoccolo aiuta a distribuire uniformemente il carico dalle lastre isolanti e protegge la riga inferiore dell’isolamento dall’umidità.

Buon consiglio! Un flusso di processo lineare può fornire un set speciale per l’isolamento delle facciate, venduto nei negozi di ferramenta. La miscela adesiva per la facciata umida di ceresite si è dimostrata efficace.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Il profilo è montato ad un livello di circa 35-40 cm da terra con uno spazio di tre millimetri tra le doghe disposte orizzontalmente, nel caso la temperatura si espanda. Il profilo è collegato direttamente ai tasselli o alle viti. Il loro numero dipende dalla densità e dal peso del materiale selezionato per l’isolamento termico. Il più delle volte si trovano a una distanza di 15-20 cm l’uno dall’altro.

L’installazione dello strato termoisolante è uno degli stadi principali, poiché rappresenta il fissaggio delle piastre isolanti. Il processo stesso richiede il rispetto di una sequenza chiara e l’implementazione di un numero di regole.

Applicazione della colla sulla superficie del piatto. La soluzione adesiva viene distribuita attorno al perimetro del materiale con una striscia larga, che si allontana dal bordo di circa 3 cm, al centro la colla viene distribuita in senso puntuale. La cosa principale è che la miscela adesiva dovrebbe coprire più del 40% dell’area della piastra. Se i tappeti lamellari fungono da strato isolante, la malta collante deve essere applicata su tutta la superficie.

Posa dei piatti. La facciata umida della tecnologia dell’isolamento comporta l’installazione dell’isolamento "funziona" per analogia della muratura del mattone. In questo caso, le piastrelle devono essere premute strettamente l’una sull’altra e sul muro. La colla che è stata estratta deve essere immediatamente rimossa. Il processo di posa avviene dal basso verso l’alto, partendo dal profilo di base. Ci vorranno 3-4 giorni perché la colla si asciughi completamente.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Piastre di fissaggio con tasselli. Nella fase successiva, lo strato termoisolante deve essere ulteriormente fissato con tasselli. La loro lunghezza deve essere selezionata sulla base dello spessore dello strato isolante, della soluzione adesiva e del margine per la rientranza nella parete. Se la densità dell’isolamento per una facciata umida è alta, allora 5 cm sono sufficienti per un margine di approfondimento, per i materiali porosi questa cifra dovrebbe raggiungere 8-9 cm. Per 1 m? La superficie richiederà da 7 a 15 tasselli. Il loro numero dipende dalla densità dei pannelli isolanti, dal diametro dei supporti e dall’altezza dell’isolamento.

Prima di installare il tassello, viene preparato un nido sotto di esso. A condizione che gli elementi di fissaggio siano correttamente fissati, i manicotti di bloccaggio saranno posizionati vicino all’isolamento.

La base rinforzata è necessaria per garantire un livello affidabile di adesione dell’intonaco decorativo sull’isolamento. A questo scopo, una rete speciale viene fissata sulla base di colla, incorporandola al centro. L’installazione dello strato di rinforzo inizia dopo almeno due giorni dall’applicazione dello strato isolante.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

Buon consiglio! Per il rinforzo, si consiglia di utilizzare una rete a base di fibra di vetro resistente agli alcali con un rivestimento affidabile. Altrimenti, entro un anno, lo strato di rinforzo inizierà a rompersi e l’intonaco si sbriciolerà semplicemente.

In primo luogo, la griglia è fissata sui pendii angolari nelle aperture di finestre e porte, nonché nelle giunzioni di pendenze verticali e architravi. Poi vai negli angoli dell’edificio all’esterno e, alla fine, nel resto dei siti.

Facciata bagnata: tecnologia che tiene il passo con i tempi

In conclusione, si deve notare che l’uso di varie opzioni per l’intonaco decorativo nel sistema di facciata umida, elementi di decorazione e design del colore consente l’implementazione di varie idee di stile all’esterno dell’edificio, che non possono essere eseguite utilizzando altri metodi di isolamento, come la tecnologia di facciata ventilata.

Like this post? Please share to your friends: