I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

La cucina è una stanza speciale con un microclima specifico. Il pavimento non deve solo adattarsi armoniosamente agli interni scelti, ma deve anche essere comodo, resistente, affidabile e durevole. Quale materiale deve essere posato sui pavimenti della cucina, che è meglio: piastrelle pratiche o laminati di alta qualità, linoleum tradizionale o liquido o pavimenti in sughero naturale? Questo articolo ti aiuterà a rivedere questa domanda in dettaglio.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Che piano fa in cucina: requisiti di copertura

Al momento di decidere quale piano è il migliore per la cucina, è necessario innanzitutto prendere in considerazione le caratteristiche del microclima della stanza. Questo spazio è caratterizzato da umidità aumentata, fluttuazioni di temperatura, una quantità significativa di grasso e fuliggine, quindi il pavimento deve essere fatto di un materiale che tollera tutti questi effetti negativi.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

In base allo scopo della stanza, la cucina è caratterizzata dalla presenza di vari tipi di inquinamento associati al processo di cottura, quindi è necessario lavare rapidamente e facilmente il pavimento, e questo non dovrebbe influire negativamente sul suo aspetto. È necessario che il materiale non assorba umidità e grasso. La superficie deve resistere a frequenti esposizioni a prodotti per la pulizia e spazzole.

Si raccomanda che la pavimentazione sia resistente ai carichi meccanici, non avere paura di graffi e altri piccoli danni che possono verificarsi a causa del frequente affollamento delle persone nella stanza, movimento di mobili, piatti e posate sul pavimento. Il materiale deve essere resistente, resistente, resistente agli effetti aggressivi e durevole.

Oltre alle caratteristiche prestazionali necessarie, è necessario che il rivestimento del pavimento si inserisca armoniosamente nell’interno scelto della stanza. Il suo design può essere conciso, che diventerà la base per il resto degli elementi interni o luminoso, che ricrea l’accento nella stanza.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

La combinazione di colori del rivestimento del pavimento deve essere selezionata non solo tenendo conto della direzione stilistica in cui viene realizzata la stanza, ma anche in base alle sue dimensioni. Per le cucine di piccole dimensioni, è preferibile utilizzare materiali uniformi, omogenei e leggeri che non sovraccarichino indebitamente lo spazio. Anche qui non è consigliabile utilizzare un rivestimento combinato che riduce visivamente l’area della stanza. In una cucina generale di dimensioni 3×3, il pavimento deve essere posato in base alla suddivisione in zone dello spazio, quindi è necessario utilizzare materiali diversi che sono armoniosamente combinati tra loro per consistenza e colore.

Quando si sceglie un pavimento in cucina, che viene ora presentato in una vasta gamma, si consiglia di studiare le caratteristiche di ciascun materiale e la fattibilità del suo uso in questa stanza.

Sulla base delle numerose recensioni, la piastrella della cucina sul pavimento occupa una posizione di leadership tra gli altri rivestimenti. Oggi nel mercato delle costruzioni viene presentato in tre tipi, in cui i prodotti si differenziano per composizione del materiale e metodo di produzione. I produttori producono piastrelle in ceramica, PVC e ceramica in granito.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Al secondo posto nella classifica dei rivestimenti per pavimenti per la cucina è il linoleum, che si caratterizza per praticità, durata e resistenza all’usura. Il prodotto è costituito da componenti naturali o sintetici.

Come un pavimento in cucina, è possibile utilizzare il laminato, che combina resistenza e sicurezza ambientale. Il prodotto è presentato sotto forma di pannello MDF o MDF, sul quale viene incollata una pellicola decorativa con un’imitazione di specie legnose pregiate. Successivamente, la superficie è coperta da uno strato protettivo che garantisce la resistenza all’usura del materiale.

La pavimentazione moderna è un pavimento autolivellante, grazie al quale è possibile creare una superficie del pavimento straordinaria e unica in cucina, che sarà un punto culminante della stanza. Il pavimento in sughero più ecologico è caratterizzato da buone proprietà tecniche e operative. Tale materiale può essere tranquillamente utilizzato per la cucina.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Rispondendo alla domanda su quale pavimento sia meglio per la cucina, concludiamo che le piastrelle di ceramica sono in testa. È un materiale pratico, durevole, ecologico, durevole e poco costoso, presentato in un’ampia varietà di soluzioni e colori. Oggi puoi raccogliere prodotti che imitano tutti i materiali esistenti.

Come materie prime vengono utilizzate argilla e sabbia fine di quarzo, grazie alle quali si riduce la percentuale di scorie, nefeletrie e restringimenti di feldspato, che successivamente ha un effetto positivo sulla struttura dei prodotti. Nel processo di fabbricazione, il materiale viene sottoposto, in determinate condizioni, a una procedura di pressatura e calcinazione.

Le piastrelle di ceramica per la cucina sul pavimento sono disponibili smaltate e non smaltate, con una superficie liscia o rigata. Il prodotto può avere una forma quadrata o rettangolare. La piastrella è realizzata in diverse dimensioni e in una vasta gamma di colori. I formati più popolari sono 30×30 e 50×50 cm. La parete posteriore può essere grezza o di vetro. Per ambienti con elevata umidità, si consiglia di scegliere la prima versione dei prodotti, poiché dopo la posa del materiale, a causa dell’elevata adesione, è esclusa la probabilità di penetrazione dell’umidità sotto la piastrella. Il prezzo delle piastrelle della cucina sul pavimento è nel range di 300-1200 rubli.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

La piastrella è caratterizzata da un’elevata resistenza all’umidità, resistenza agli effetti di detersivi aggressivi e detergenti, resistenza all’abrasione, quindi durante la pulizia non bisogna temere per l’integrità estetica del rivestimento.

Il materiale è resistente al calore, resistente alle temperature estreme e alla radiazione solare. L’uso di materiali di qualità insieme alla posa di piastrelle professionali sul pavimento della cucina fornirà una superficie duratura e affidabile in grado di sopportare carichi significativi e sopportare stress meccanici. Le piastrelle del pavimento in cucina non attraggono la polvere, il che consente alla superficie di rimanere pulita a lungo.

Insieme a numerosi vantaggi, le piastrelle di ceramica hanno i suoi svantaggi. Il materiale è caratterizzato da una superficie fredda, che crea disagio nell’ulteriore utilizzo, ma nella stagione calda questa caratteristica può essere considerata un vantaggio. Pertanto, si consiglia di installare un pavimento caldo in cucina con piastrelle di ceramica, grazie al quale l’atmosfera nella stanza diventerà più confortevole durante la stagione fredda. Una buona soluzione pratica ed estetica è combinare piastrelle e laminati in cucina, come mostrato chiaramente nella foto dei locali.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Affinché la pavimentazione sia durevole, è necessario eseguire correttamente ed efficientemente la posa delle piastrelle sul pavimento della cucina. Se rimangono vuoti d’aria tra il prodotto e la base, ciò contribuirà al distacco del materiale e alla sua ulteriore rottura. Sarà estremamente problematico raccogliere e sostituire frammenti danneggiati, poiché le tessere sono dello stesso tipo, ma da lotti diversi può essere esternamente significativamente diversa.

Quando si scelgono le piastrelle per il pavimento della cucina, è necessario considerare gli indicatori tecnici del prodotto, come la classe di resistenza all’usura, il grado di durezza, il coefficiente di attrito e la classe di resistenza chimica.

È importante! Non appoggiare le piastrelle sul pavimento, poiché questo prodotto è caratterizzato da una resistenza inferiore e una maggiore abrasione.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

La piastrella può appartenere a una delle cinque classi di resistenza all’usura, che viene assegnata al prodotto dopo aver determinato il numero di giri della ruota abrasiva sulla superficie dell’elemento finché non appaiono segni di abrasione sul materiale. Più alto è il PEI, più forte è il prodotto. Per la cucina, scegliere i modelli PEI III, PEI IV. I prodotti più resistenti sono di PEI di classe V, tuttavia, sono destinati a luoghi pubblici affollati. Acquistare tali tessere per la cucina non è economicamente fattibile.

Il valore del grado di durezza del prodotto indica il livello di resistenza del materiale ad impatto, graffi e altri danni meccanici. Questo indicatore è determinato dalla scala di Mohs. Per l’uso in cucina, è necessario dare la preferenza a modelli con un grado di durezza di almeno sette.

Il coefficiente di attrito indica la possibilità di utilizzare il materiale per una particolare stanza, in modo da non causare situazioni traumatiche. Per la cucina, si consiglia di scegliere piastrelle con un coefficiente di attrito di almeno 0,75%, contrassegnato con almeno R10. Tale materiale può essere applicato in ambienti con elevata umidità.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Assicurati di considerare la capacità del materiale di resistere agli effetti aggressivi delle sostanze chimiche, che determina la classe di resistenza chimica delle piastrelle. Per la cucina, è necessario scegliere i prodotti di classe AA, che indica la resistenza assoluta del materiale all’attacco chimico ed elimina la comparsa di danni visibili sulla sua superficie.

Buon consiglio! Per risparmiare notevolmente denaro, puoi utilizzare le tessere con classe di resistenza chimica A e B.

I produttori producono diversi tipi di piastrelle di ceramica sul pavimento in cucina, le foto del design dei locali riflettono chiaramente questo. La monocottura è rappresentata da prodotti rivestiti di smalto. A causa del fatto che nel processo di produzione di piastrelle utilizzato una singola cottura di materie prime, il rivestimento è saldamente collegato con la superficie di appoggio della piastrella. Ciò contribuisce alla creazione di materiale resistente agli effetti avversi meccanici e chimici.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Il materiale bi-cottage è prodotto come risultato della doppia cottura del materiale, a causa della quale il prodotto è fragile. Successivamente, un rivestimento di smalto viene applicato alla piastrella, che è caratterizzata da resistenza all’abrasione. Nonostante il basso costo del materiale, non è consigliabile utilizzarlo come rivestimento per il pavimento di una cucina.

I pavimenti in cucina, che è meglio: piastrelle, laminato, pavimento autolivellante o linoleum

Non c’è una risposta unica se sia meglio in cucina: laminato o piastrelle, pavimento autolivellante o linoleum. Ogni materiale ha le sue caratteristiche caratteristiche, che dovrebbero essere orientate prima di tutto. Tra l’ampia varietà di soluzioni di colore e design, puoi scegliere l’opzione appropriata che corrisponderà alle preferenze personali e ai prezzi.

Like this post? Please share to your friends: